Default text, this is the text that 3.x browsers will see You can have lot's of ˜ here in stead. Or you can use a script to write in text only if it's Netscape 4 (you have to do that so that the layer gets some content or the written in text won't show correct.


Cerca nel sito



HOME
1.1. TI INVITO A UN VIAGGIO - Stefano
1.2. Charles Baudelaire
1.3. Rimbaud
1.4. Un Elogio alla Passione
1.5. Dormono sulla collina
1.6. Il Sogno
1.7. Un grido contro il potere
1.8. La poesia di Pazienza
1.9. Qualcosa di mio
2.01.ELIZABETH - Letteratura al femminile
2.02. Isabella di Morra
2.03. Elizabeth Barrett Browning
2.04. Sylvia Plath
2.05. Emily Brontë
2.06. Florbela Espanca
2.07. Sibilla Aleramo
2.08. Eleonora De Fonseca Pimentel
BACHECA
Bibliografia e fonti
Il SurjaForum
L'ANGOLO DELLE FAVOLE
SALOTTO LETTERARIO



 Anthakarana
 Art Jewelry
 Blu Delfino Blu
 BluGoa
 Gli Occhi del Drago
 Il Ponte dell'Arcobaleno
 Il Raggio Verde
 La Pietra Verde
 Le Pietre delle Fate
 Moonwitch
 Navaratna
 Rainbowbridge
 Saraswati
 Silvermoon
 Spazio Cucina
 Surja
 SurjaAge

Torna alla Home del SurjaRing

Hai voglia di partecipare attivamente? Vuoi vedere pubblicato un tuo intervento inerente gli argomenti trattati all'interno di questo sito? INVIACI un messaggio illustrandoci l'argomento che desidereresti trattare: ti risponderemo al più presto richiedendoti l'invio del materiale, ed anche una tua foto, se vuoi.

Pubblicheremo gli interventi che, a nostro giudizio, saranno ritenuti più originali ed interessanti.
1. La quercia di Hocdorf

Angeli dei Sette Chakra
Gli Angeli dei Chakra si rivolgono ad animi in cammino verso un sempre maggiore e consapevole equilibrio personale.
Donarsi o donare un angelo dei Chakra è un gesto colmo di simboli e significati.

Visualizza tutti gli Angeli dei Sette Chakra>>>
di Eleonora Bellini


In casa fa caldo, ma fuori, nonostante sia già primavera, il vento soffia forte e fa piegare gli alberi. Anche la mia quercia si piega sotto la sua furia e sembra che pianga. La mia quercia ha otto anni come me, ma è più alta di me, perché gli alberi crescono più in fretta dei bambini. Quando nasce un bambino i genitori piantano un albero che cresca insieme a lui, per questo io ho una quercia e devo crescere forte come lei. L'albero di mio fratello è un olmo e quello di mia sorella una betulla dalle foglie tenere e chiare, dal tronco sottile.
Mia sorella si chiama Maebd, è molto alta, ha i capelli chiari e profumati come i fiori del caprifoglio e sorride sempre.
Otto giorni fa avrebbe dovuto sposare il principe Hochdorf, un grande principe. Io l'ho visto una sola volta e mi ha fatto un po' di paura. Infatti entrò nel nostro villaggio completamente rivestito dell'armatura di guerra, dritto in piedi sopra un grande carro di legno scuro, con l'elmo di bronzo così scintillante che mi sono dovuto riparare gli occhi dall'abbaglio. Rideva forte e faceva tintinnare tutti i bracciali e le collane d'oro che portava. Scese dal carro con un agile balzo, abbracciò mio padre e parlò a lungo con lui. Poi mio padre chiamò a sé Maebd. Hocdorf si chinò su di lei e le mise al collo una collana d'oro, preziosa e scintillante quasi quanto le sue, le fece un profondo inchino e risalì sul grande carro ripartendo con enorme fracasso.
Mio padre entrò in casa con Maebd e annunciò a noi tutti: - Maebd si è fidanzata con il principe Hocdorf. In primavera, quando Hocdorf tornerà vincitore dalla guerra contro le tribù del sud, egli la sposerà e ci sarà il banchetto di nozze. Preparatevi tutti sin d'ora, dunque, e siate felici -.
La mamma abbracciò Maebd e le disse: - Figlia, sono molto felice per te. Sposerai un grande principe e un grande guerriero. Da domani comincerò a tessere con le mie mani la tua coperta di nozze. Ora ti dono questo gioiello che rappresenta il sacro albero della vita e che ti ricorderà sempre questo giorno felice nel quale abbandoni l'infanzia per diventare una donna. Promettimi che non te ne separerai mai, qualunque cosa ti accada -.
Io e mio fratello avevamo assistito stupiti a questa scena. Non avevamo ben capito che cosa stesse succedendo e perché i nostri genitori parlassero in modo così solenne e perché Maebd da quel giorno avesse cominciato a girare per casa e nel villaggio tutta impettita ed orgogliosa, sorridendo continuamente tra sé e mostrando a chiunque incontrasse il gioiello che portava al collo. L'albero della vita unisce il cielo, dove si espande la sua chioma, alla terra, nella quale affondano le sue radici, questo lo sapevo, però non avevo ben capito che cosa significasse sposarsi.
- Maebd - le chiesi un giorno - che cosa vuol dire sposarsi? -
- Vuol dire essere una donna grande e andare a vivere lontano da casa con il proprio marito e avere una casa, dei gioielli, dei figli -.
- E tu sei contenta di andare lontano? -
- Sì - rispose lei dopo averci pensato un po' su - perché sposerò un grande principe -.
- Essere principe vuol dire fare paura agli altri come quando Hochdorf è arrivato qui con il suo carro? A me non piacciono i principi, mi fanno paura - disse mio fratello.
- Essere principe vuol dire essere guerrieri coraggiosi e forti, più forti di ogni altro uomo, e capi del popolo. Hocdorf è un principe che ha vinto molte battaglie, io lo ammiro e non mi fa paura - rispose mia sorella - e poi, se ti fanno paura i principi, devi avere paura anche di nostro padre e di te stesso. Anche lui è un principe e anche tu, se diventerai un guerriero abile e coraggioso -
- E della tua betulla che ne sarà, dopo che ti sarai sposata e te ne sarai andata? Come farà il tuo albero a vivere senza di te? La porterai via sul grande carro? - le chiesi ancora io.
- La betulla resterà qui con voi. Così, ogni volta che la guarderete, penserete un po' a me. Però, quando nascerà il mio primo figlio, dovrete tagliare il suo ramo più forte e portarmelo. Io lo userò per fargli costruire la culla -.
Questo discorso tra noi e Maebd ebbe luogo all'inizio dell'inverno e fu l'ultimo così lungo che avemmo occasione di fare con nostra sorella. Lei è molto più grande di noi e fin da quando eravamo molto piccoli ci siamo abituati ad obbedirle senza fare domande. Dopo il fidanzamento poi sembrava quasi non accorgersi più di noi e, quando parlava con nostra madre, se eravamo presenti, abbassava la voce bisbigliando cose segrete.
L'inverno è sempre lungo, gli alberi perdono le foglie, le piogge sferzano la terra, i tronchi nudi, le pareti di legno delle case. Il cuculo non canta e si dorme molto. Ma questo inverno è trascorso più in fretta degli altri, forse perché noi bambini siamo diventati più grandi o perché assistendo ai preparativi del matrimonio di Maebd non ci siamo accorti dello scorrere del tempo.
Due giorni prima della data fissata per il matrimonio, quando già il biancospino dei boschi cominciava a fiorire, giunsero alla nostra casa alcune donne con l'incarico di aiutare nostra madre a preparare il banchetto di nozze. Immersero in un grande paiolo pieno di latte un prosciutto così grande come non ne avevo mai visti:
- Perché avete messo il prosciutto nel paiolo? - chiesi.
- Perché ceda al latte il suo sale e diventi morbido e dolce come una sposa novella - mi spiegarono. Intanto appesero al soffitto di casa altri prosciutti salati e affumicati, come riserva, nel caso in cui Hochdorf giungesse accompagnato dai suoi guerrieri, spiegò mia madre.

Poi le donne accesero il fuoco e sopra posero una trentina di polli infilzati negli spiedi, curando che cuocessero lentamente. In un altro paiolo posero carote, cavoli, porri ed altre erbe dei boschi che, mentre l'acqua bolliva, spandevano nell'aria un invitante profumo. Prepararono grosse pagnotte da cuocere nel forno e focacce al miele di tiglio. Per gli uomini prepararono negli otri la sacra bevanda di Imbolc, fatta di miele e di erbe miracolose che rigenerano il corpo e lo spirito dei guerrieri, come fa la primavera con animali e piante. I cesti di vimini contenenti i formaggi stagionati vennero calati dal soffitto e cosparsi di bacche essiccate.
Le donne del villaggio si affacciavano alla porta della nostra casa e dicevano che un banchetto così non si era mai visto. Anch'io allora cominciai a sentirmi orgoglioso di mia sorella che si sposava con un principe.

La mattina delle nozze Maebd sedette sulla porta di casa alle prime luci dell'alba, accanto a mio padre e a mia madre. Tutti e tre indossavano gli abiti più belli e Maebd portava fiori bianchi tra i capelli. Io e mio fratello guardavamo dalla finestra, curiosi e impazienti come le donne impegnate a sorvegliare le vivande del banchetto.
Il sole era già alto e Hochdorf non giungeva ancora. Eppure avevo sentito benissimo mio padre dire che egli sarebbe giunto non appena il sole avesse tinto di rosa l'orizzonte. Anche Dharat, il suonatore d'arpa, che attendeva al limitare del bosco per essere il primo ad annunciare l'arrivo del principe con le sue note, mi sembrava impaziente e perplesso. Man mano che il tempo passava tutto, intorno a noi, si faceva più silenzioso e più misterioso. Finalmente si udì, vicino ma ovattato, il suono di un corno. Dharat abbracciò il suo strumento mentre mia sorella ed i miei genitori si alzarono lentamente in piedi. Dal bosco uscì il carro brillante di Hocdorf, ma non era condotto dal principe. Uno sconosciuto teneva le redini, due soli guerrieri seguivano in silenzio. Dov'era Hocdorf? Perché non si era presentato tra noi il giorno delle sue nozze? Lo capimmo quando il grande carro si fermò davanti alla porta di casa. Il principe stava disteso sul carro, splendidamente vestito. Spiccavano su di lui la collana, i bracciali, le calzature ed il pugnale con i loro raffinati ornamenti d'oro. Dietro il suo capo era posta una cassa da cui spuntavano vasi ed altri oggetti preziosi. Hocdorf stava immobile. Era morto.

- Ecco, il grande principe guerriero non ha voluto mancare all'appuntamento con la sua sposa - disse scendendo il conducente del carro.
Mia sorella urlò e corse in casa. Mia madre la seguì. Mio padre ordinò alle donne di tacere, di non abbandonarsi al pianto e di servire a tutti le vivande preparate per il banchetto di festa. Anch'io e il mio fratellino mangiammo e tutto ci parve buonissimo. La sera il tempo si guastò e cominciò a cadere la pioggia e a soffiare il vento, proprio come oggi. E' ormai trascorsa una settimana dal grande banchetto. Maebd è uscita dal suo angolo buio ed ha annunciato che appena sorgerà il sole farà piantare una quercia, l'albero che apre la porta tra il nostro e l'altro mondo. Così Hocdorf tra quelle verdi fronde si riposerà dalle fatiche delle battaglie, e lo farà proprio qui, accanto a noi.
Eleonora Bellini
© E.Bellini - Tutti i diritti riservati. È vietato utilizzare questo testo, anche parzialmente, senza autorizzazione.



Hai scritto una o più favole...
...e ti piacerebbe vederle pubblicate qui?
Scrivici!



Ti piace questo sito?
Invita anche un tuo amico a visitare il SurjaRing!
clicca qui


Collabora con noi!
C'è un argomento che ti appassiona
e desideri condividerlo nel web?
Hai voglia di diventare uno dei nostri?
Collabora con noi!
C'è uno spazio gratuito che ti attende
all'interno del SurjaRing.
Clicca qui
In riferimento alla recente legge del 2015 entrata in vigore il 2 giugno sui cookie, avvertiamo i visitatori che questo sito non utilizza cookie per raccogliere dati degli utenti ma solo cookie tecnici, necessari al funzionamento del sito e per consentire agli utente di accedervi.
Non dimenticare di iscriverti alle
NewsLetter del SurjaRing!


Vuoi un regalo dal SurjaRing? clicca qui




REGISTRATI
per ricevere novità
dal SurjaRing










Per la pubblicità su     questo sito clicca qui!

Segnala il SurjaRing     ad un amico

Partecipa al     SurjaForum

Fai di SurjaRing la tua     Home Page

Collabora con noi

Ascolta la SurjaMusica


Surja

Cristallidiluna

BluGanesha

Profumidoriente


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in
SurjaRing?


Ars culinaria
La Locanda di Donna Sofia


SurjaForum
Partecipa anche tu al Forum del SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in SurjaRing?


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


I CHING
Consulta l'oracolo: un nuovo servizio offerto da SurjaRing


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing


SurjaForum
Partecipa anche tu al forum del SurjaRing!




SurjaTeam
Chi collabora con SurjaRing?

SurjaLink
I siti consigliati da SurjaRing

SurjaDono
Richiedi il dono del SurjaRing

ScambioBanner


powered by Neomedia

© Copyright Surja s.a.s. Tutti i diritti riservati.
È vietato utilizzare i contenuti di questo sito senza autorizzazione.